AlterEgo, la cuffia del MIT che legge nel pensiero

AlterEgo, la cuffia del MIT che legge nel pensiero

Anche se sembra fantascienza, il MIT ha veramente progettato una cuffia in grado di leggere nel pensiero.
Se te lo stai chiedendo, No, non serve a leggere nel pensiero degli altri che, per quanto bello possa essere (soggettivamente), è una violazione dell’altrui privacy.
AlterEgo è una cuffia che ti consente di essere collegato al tuo dispositivo, Smartphone o PC che sia, e di agevolarti nel suo utilizzo. Ti sarà capitato a volte di dover far troppe cose contemporaneamente e trovarti impacciato, come interrompere qualcosa che stai facendo per prendere un appunto o inviare un messaggio e non puoi farlo tramite sintetizzatori vocali perché magari vuoi che quell’argomento stia lontano da orecchi indiscreti.
Pensando proprio a casistiche come questa, dal MIT, più precisamente dalla mente di Arnav Kapor, è nato AlterEgo, la cuffia che legge nel pensiero.



Come ha fatto il MIT a progettare una cuffia che legge nel pensiero?

Come anticipato, l’idea è scaturita dal ricercatore Arnav Kapor, il quale si stava chiedendo come avere una piattaforma che sappia fondere uomo e macchina ed evitare quegli astrattismi che impongono all’uomo di interrompere le sue attività per trascrivere un appunto o mandare un messaggio.



Com’è fatta AlterEgo, la cuffia che legge nel pensiero?

Anzitutto la funzione primaria di AlterEgo è il trascrivere le parole verbalizzate internamente dall’utente, senza che questo debba parlare o fare altro. AlterEgo può leggere nel pensiero tramite degli elettrodi collegati a mandibola e volto, raccogliendo segnali neuromuscolari che si generano involontariamente nel momento in cui si pensa a qualcosa.
Un altro dettaglio di AlterEgo è che è composto di cuffie a conduzione ossea, le quali trasmettono il suono all’orecchio attraverso le ossa craniche, senza occupare il canale auricolare. Questa particolare caratteristica ha lo scopo di disturbare il meno possibile le conversazioni e le interazioni che l’utente ha con il mondo circostante.
Al momento AlterEgo è un progetto in evoluzione, in grado al momento di identificare le cifre numeriche da 0 a 9 e con a disposizione un vocabolario con un centinaio di parole, anche se, durante i test, l’accuratezza di AlterEgo è del 92%.

 

Se il nostro articolo AlterEgo, la cuffia del MIT che legge nel pensiero ti è piaciuto, condividilo con i tuoi amici, inoltre, se desideri non perdere le notizie e gli articoli di Newsie Tech t’invitiamo a iscriverti alla nostra newsletter e/o a seguirci sulle nostre pagine social.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *