Stop agli aggiornamenti Android per Huawei

Vista la battaglia commerciale tra USA e Cina, era già nell’aria dovesse succedere qualcosa di grosso, tuttavia in molti non si sarebbero aspettati una mossa tanto azzardata quanto rischiosa come mettere Huawei in una black list commerciale in USA.

Questa decisione del presidente Trump è un’autentica mina vagante per tutto il mondo Hi-tech.

Una prima e grave conseguenza di questo bando è l’interruzione di accordi milionari tra Google e Huawei che porta uno sgomento non indifferente a livello globale.

Come Google, anche Intel e Qualcomm, come altre case produttrici di chip e microchip si sono adeguate al bando interrompendo i rapporti con il colosso cinese che dovrà correre ai ripari.



Ma Android non dovrebbe essere Open Source?

Nonostante il noto OS Android sia Open Source, le versioni ottimizzate e i servizi propri di Google come Gmail, Maps, ecc., sono frutto di accordi commerciali tra i produttori e Google che comunque comportano delle entrate per quest’ultimo, compreso il pagamento per l’erogazione di servizi anche da parte di Huawei, almeno fino alla scissione dei rapporti commerciali.



Google blocca gli aggiornamenti Android per Huawei, cosa succederà adesso?

È difficile da dirsi, di base bloccando gli aggiornamenti Android lo scenario più realistico per gli smartphone Huawei già venduti è che non verranno rilasciati aggiornamenti e se per alcuni non fa differenza o da un senso di libertà, da Informatico vi dico che se la pensate così sbagliate, gli aggiornamenti sono importanti soprattutto per prevedere eventuali minacce informatiche.

Stop agli aggiornamenti Android per HuaweiFortunatamente Huawei fa sapere tramite dei post dalle proprie pagine social che non c’è di cui preoccuparsi perché continuerà a fornire gli aggiornamenti di sicurezza previsti per smartphone e tablet Huawei e Honor esistenti, inclusi quelli già venduti e quelli in magazzino, nel frattempo che continueranno a creare un ecosistema software sicuro e sostenibile.

Non ci resta che fidarci di Huawei che finora si è dimostrata affidabile e sperare che dall’USA ci sia un ripensamento perché, oltre a influire negativamente sulle entrate delle proprie aziende, oltre a mettere alle strette altri marchi cinesi, se dalla Cina ci fossero rappresaglie opposte, questa guerra commerciale sarebbe un danno per tutto il mondo (basti pensare che gli iPhone vengono costruiti in Cina) e ovviamente a pagarne le conseguenze saranno aziende e soprattutto consumatori.

 

Se il nostro articolo Stop agli aggiornamenti Android per Huawei ti è piaciuto, condividilo con i tuoi amici, inoltre, se desideri non perdere le notizie e gli articoli di Newsie Tech t’invitiamo a iscriverti alla nostra newsletter e/o a seguirci sulle nostre pagine social.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *